M’Incanto di Luna 2020

Proposta concerto 2020

Gianluca Di Luccio: astrofilo, planetarista/voce narrante.
Enrica Bacchia: voce e percussioni.
Massimo Zemolin: chitarra 7 corde.
Luca Nardon: percussioni.

Con la presente proponiamo alla Vs attenzione uno spettacolo che vede quattro artisti sviluppare in scena il tema della Luna nei suoi molteplici e più suggestivi aspetti: la Luna in Astronomia; nella mitologia; Luna e scienza; l’uomo mette piede sulla Luna, ma anche la Luna che cresce, si fa piena, decresce e poi manca.
Uno spettacolo magico, dove il suono di delicati strumenti musicali accompagna sapientemente una voce, una poesia e un racconto coinvolgenti. Uno spettacolo che emoziona e che incanta.
ENRICA BACCHIA Voce

Vocal coach, insegnante, performer, ricercatrice.
Si diploma presso l’Istituto d’Arte e l’Accademia di Belle Arti di Venezia, dedicandosi contemporaneamente all’attività concertistica e didattica in Italia, in Brasile e negli Stati Uniti. Per cinque anni il suo spettacolo “What a Voice” è sui palcoscenici delle navi da crociera.
L’entusiasmante, assidua ricerca delle potenzialità del suono della voce umana si traduce nel 2007 nella realizzazione del mitico viaggio tra Siberia e Mongolia, alla scoperta del canto armonico, delle simbologie, dei suoni e dei ritmi primordiali delle etnie Tsaatan (gli sciamani – Uomini Renna). Da questa esperienza prende spunto il suo primo libro: “Mongolia, La Via Dell’Acqua”, mentre nel 2012 pubblica il romanzo “Battiti 2017”.
Dal 1999 iniziano le tournée in Cina che la vedono protagonista nella duplice veste di insegnante: impegnata nella conduzione di alcuni stage di canto jazz indirizzati ai docenti del Beijing Contemporary Music Institute di Pechino, e di vocalist, nell’ambito delle manifestazioni legate ai Festivals Jazz.
Ha collaborato al Progetto MIRROR ART THERAPY (arte e psicoterapia del Dott. Paolo Baiocchi, direttore del centro di Psicologia Gestalt di Trieste), presso la Libera Università di Alcatraz in Umbria, di Dario e Jacopo Fo, insieme a Stefano Navone, direttore del Centro di Musicoterapia vicentino.
Inserita nel libro L’altra Metà del Jazz di Gerlando Gatto e considerata una tra le voci più interessanti nel panorama musicale odierno, Enrica è membro del Comitato Scientifico Artistico ÌNIN – ONE EARTH CHOIR, il più grande coro della Terra, che vede la partecipazione di oltre tre milioni e mezzo di persone in 60 Nazioni, promosso dall’Associazione Culturale Vocal Sound di Lugano.
Nel 2018 è la “Voce” nel rivoluzionario Progetto COn-SCIENCE THEATRE of BEING di Anna Bacchia, in scena al San Francisco Art Institute di San Francisco.
(www.annabacchia.netwww.HolographicEvolving.net)
www.enricabacchia.it  

MASSIMO ZEMOLIN Chitarra 7 corde

Massimo Zemolin inizia lo studio della chitarra a 11 anni, con un primo approccio allo Swing e al Jazz. Affascinato dalle sonorità acustiche, ben presto acquisisce con grande passione le tecniche Fingerstyle e Fingerpicking. Approfondisce in quel periodo il repertorio del Blues Acustico e del Trad Jazz.
A 21 anni frequenta una delle prime scuole Jazz in Italia: la Dizzy Gillespie di Bassano del Grappa, diretta da Lilian Terry, divenendone in seguito docente.
Da allora avvia un periodo di intensa attività concertistica in Italia e all’estero come accompagnatore chitarra/voce, esaminando le possibilità per unire bassi, accompagnamento e improvvisazione come una vera One Man Band. Al fine di poter ampliare le possibilità armoniche della chitarra, progetta e si fa costruire dal liutaio Michele della Giustina la sua prima chitarra 7 corde, che da subito caratterizzerà il suo Suono e la sua immagine.
Parallelamente continua l’attività musicale nel mondo del Jazz Italiano e nella musica Pop, accompagnando anche le tournée di Shel Shapiro e Alessandro Safina in Italia, Europa e Medio Oriente.
Sullo sfondo, l’insegnamento della chitarra Jazz e Moderna, svolta negli anni con l’amore per la materia, il desiderio di trasmettere la passione per la ricerca del proprio strumento e sulla musica “tutta”.
Da menzionare la lunga collaborazione live e su cd con la cantante Enrica Bacchia, nel tempo diventata esplorazione dei suoni e della creatività istantanea. Un vero e proprio laboratorio che continua e si evolve negli anni grazie alla sensibilità e alle affinità dei due interpreti.
Tra i lavori discografici: Canzoni a Teatro 1995 con Laura Ivan, Danilo Rea, Maurizio Dei Lazzaretti e Massimo Moriconi; In Puero Spes con Stefano Brunello; Contemporary Jazz Trio con Stefano Olivato e Davide Ragazzoni; Standards e Elis per la Splasc(h); Tre Acoustic Jazz Trio con Luigi Sella e Luca Nardon; Microrchestra con Leo Di Angilla e Stefano Olivato; Corde e Vocali Splasc(h) con Lanfranco Malaguti e Laura Scomparcini; Racconti Dal Faro con Catherine Spaak e Stefano Graziani; Fotografie Spash(h) con Enrica Bacchia; Chance e E Ritorno A Casa con Enrica Bacchia e Stefano Graziani. Ha suonato e collaborato tra gli altri con Maurizio Giammarco, Franco Testa, Marco Tamburini, Massimo Manzi, Shel Shapiro, Lilian Terry, Danilo Rea, Massimo Moriconi, Enrico Granafei, Lanfranco Malaguti, Alessandro Safina, Leroy Emmanuel, Gegè Telesforo, lo scrittore Marco Ballestracci, Catherine Spaak e Sandro Gibellini.

LUCA NARDON Percussioni

Percussionista e batterista versatile, con trent’anni di spettacoli alle spalle e numerose collaborazioni in ambito internazionale con musicisti d’ogni estrazione e provenienza, si esibisce in Italia e in vari paesi europei nell’ambito dei più ambiti festival internazionali. Un’artista che ha al suo attivo più di trenta incisioni discografiche!
Unisce all’esperienza jazzistica le collaborazioni più aperte ai vari generi musicali: per diverso tempo è a fianco di Antonella Ruggiero e Giò Di Tonno. Con Patrizia Laquidara, oltre alle esibizioni nella suggestiva manifestazione ”Suoni delle Dolomiti”. Nel 2011 è vincitore del premio Tenco per il “Canto dell’Anguana”.
Il raffinato e sapiente modo di esprimersi con i suoni, fa di lui un ricercato accompagnatore di reading, spesso in ambito teatrale. È recente la sua collaborazione con la scrittrice Dacia Maraini e con il giornalista Gianantonio Stella.
Nel suo percorso espressivo, consente alla musica di fondersi con diverse forme d’arte, unendo sapientemente la propria creatività alle contaminazioni stilistiche di quei numerosi musicisti stranieri di grande rilievo, che incrocia nei diversi contesti musicali italiani ed europei.
Nell’ottobre del 2014 viene scelto come percussionista sulla scena dell’Edipo a Colono, al Teatro Olimpico di Vicenza, per la regia di Andrei Konchalovsky.
Nel 2018 sua è la colonna sonora del video pubblicitario vincitore del Delfino d’Argento al Festival del Cinema di Cannes, apposita sezione dedicata al corto pubblicitario.
Luca Nardon alterna l’attività concertistica a quella di Insegnante di percussioni etniche e di propedeutica ritmica per futuri musicoterapeuti.

GIANLUCA DI LUCCIO Voce Recitante

Gianluca Di Luccio vive in provincia di Vicenza.
Sin da piccolo le sue grandi passioni sono l’Astronomia e l’Astronautica, passioni che nutre con grande trasporto, esplorandole ed approfondendone nel tempo le tematiche, fino a convertirle in una vera e propria attività didattica per bambini e adulti.
Dal 2011 si occupa di divulgare la Scienza dell’Astronomia in Biblioteche, Comuni, Centri Commerciali e Istituti di ogni ordine e grado, grazie anche all’ideazione del Planetario Itinerante.
Attivo dal gennaio 2016, con oltre 17.000 spettatori, il Planetario si è rivelato una grandissima attrazione di valore pedagogico ed educativo.
Dal 2011, Gianluca, planetarista e astrofilo, si occupa di divulgare la scienza dell’Astronomia (ottimale il periodo estivo) unendo le teorie (ricche di aneddoti raccontati con grande maestria e competenza), a splendide e stimolanti passeggiate in collina o in montagna.
Slow-Sky e Star-Trekking sono i due marchi, regolarmente registrati e creati a questo scopo.
Nel 2016 nasce l’idea di M’Incanto di Luna, lo spettacolo interamente dedicato alla Luna, alla Musica, alla Scienza e alla Poesia. Inizialmente affiancato da Luca Nardon, nel 2018 si uniscono Enrica Bacchia e Massimo Zemolin.

LOCATION:
All’aperto (in estate) o al chiuso (Teatri, Auditorium)

Per eventuali chiarimenti o ulteriori informazioni contattare:
Gianluca Di Luccio insiemeperlastronomia@gmail.com
Phone +39 348 518 1003